Embassy of Uganda in Rome - Ambasciata d'Uganda a Roma

Gas e Petrolio

Scarica il volantino sulle opportunità di investimento nel settore degli Idrocarburi

Scarica il volantino sulle opportunità di investimento nel settore degli Idrocarburi

La zona principale dell’Uganda in cui si sta svolgendo l’esplorazione di petrolio e gas è quella dell’Albertine Graben (AG) o bacino del Lago Albert. L’AG costituisce la parte più settentrionale del braccio occidentale della East African Rift Valley e corre lungo il confine occidentale dell’Uganda con la Repubblica democratica del Congo (RDC). L’area dell’Albertine Graben è lunga circa 500 km, per una larghezza media di 45 km.

Gli sforzi continui del governo per promuovere l’esplorazione di petrolio e gas nel paese negli ultimi 29 anni alla fine hanno dato i frutti sperati. A oggi, 90 pozzi di esplorazione e valutazione sono state avviati nelle varie zone prospettiche individuate dai dati sismici. Il risultato di queste perforazioni è un totale di 36.000 barili di greggio già prodotti attraverso prolungate operazioni di collaudo.

La raffineria

Nel medio-lungo termine, il Governo intende sviluppare una raffineria medio-grande per trasformare il greggio scoperto in prodotti petroliferi destinati innanzitutto al paese e alla regione e, solo successivamente, saranno prese in considerazione le opzioni di esportazione.  La produzione inizierà con 60.000 barili di petrolio al giorno per arrivare, nel lungo periodo, a 180.000 barili. La raffineria da 60.000 BoPD sarà sviluppata in maniera modulare e si partirà con una produzione di 30.000 barili. La struttura sarà situata nel distretto di Hoima, vicino a dove sono state fatte le scoperte. Per la raffineria si prevede una partnership pubblico-privata (PPP), attraverso un’azienda in joint venture.

I sottoprodotti

Immense opportunità di investimento si aprono poi nelle industrie collegate alla raffineria e alla lavorazione petrolifera. Queste industrie potranno utilizzare i sottoprodotti della raffineria, o il gas naturale. I sottoprodotti della raffinazione potranno essere trasformati per produrre sostanze per saponi, materie plastiche, pesticidi, vernici, asfalto, prodotti petrolchimici e polimeri. Le attività derivanti dall’utilizzo del gas naturale comprendono le industrie di trasformazione di minerali, come la fusione del minerale di ferro, lavorazione dei prodotti agricoli, conversione del gas naturale per i liquidi (GTL), fabbricazione di fertilizzanti, produzione di condensato di gas naturale (CNG).

Oleodotti e stoccaggio

petroliolagoalbertLe infrastrutture associate alla raffineria comprendono la costruzione di un oleodotto e impianti di stoccaggio. Le condutture sono necessarie per portare il greggio alla raffineria e per il trasporto dei prodotti raffinati ai mercati. Il Governo ha realizzato studi per valutare lo sviluppo di gasdotti e impianti di stoccaggio nel paese. Ulteriori aree di investimento nel settore petrolifero e del gas alle quali gli investitori internazionali possono partecipare includono:

  • opere civili generali e di costruzione;
  • sviluppo delle infrastrutture;
  • servizi logistici;
  • indagini geofisiche, in particolare indagini sismiche;
  • costruzione e fabbricazione;
  • gestione dei rifiuti industriali e loro trattamento;
  • produzione di energia elettrica da produttori indipendenti di energia (olio combustibile pesante, greggio e gas);
  • sviluppo di ricerche relative al settore petrolio e gas.